Alle origini di “Cosa Nostra” e della “’Ndrangheta”? La Massoneria

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

.

La casa editrice Gingko, di Verona, conferma, con questa recentissima pubblicazione, la sua non comune capacità di affrontare gli argomenti più caldi della politica e della storia contemporanea, e spiegarli con straordinaria chiarezza e con totale amore per la verità. Merito, ovviamente, degli autori che la Gingko e il suo capo, a sua volta scrittore e storico, Angelo Paratico, decidono di scegliere. Come hanno fatto con Kerry Bolton, autore del libro di cui stiamo parlando. Che s’intitola «Movimenti occulti e sovversivi» e riporta in copertina una inequivocabile affermazione del Procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero: «E’ ormai documentato, attraverso numerose indagini, che Cosa Nostra e la ‘Ndrangheta sono cresciute proprio grazie alla Massoneria».

Il libro di Bolton affronta il non facile argomento delle “cospirazioni occulte” facendo uso di una metodologia scientifica, combinata con la fedeltà al culto della Tradizione. All’origine del conflitto tra cattolicesimo e massoneria c’è la secolare storia dei Cavalieri Templari, il cui Ordine fu soppresso dalla Chiesa per eresia. Da quell’evento in poi, i Templari hanno continuato a sopravvivere e a operare in segreto, cioè in maniera occulta. L’occultismo, per definizione, si basa sul mito, ed è importante il modo in cui questo mito viene percepito.

Durante il regime rivoluzionario francese accadde che la cosiddetta “Dea della Ragione” venisse venerata sull’altare della cattedrale di Notre-Dame, ormai sconsacrata. Si cantavano inni e si celebravano battesimi in nome della “Ragione” e della “Divinità Sconosciuta”. Molti decenni dopo, si dovette assistere allo stesso, irrazionale fenomeno, sotto il comunismo ateo, fenomeno che si manifestò in forme di culto religioso di massa, come accadde con la deposizione del corpo mummificato di Lenin all’interno di una piramide a gradoni da percorrere come genuflessi.

All’inizio si era pensato di congelare il corpo, ma il suo rapido deteriorarsi, nell’attesa che venisse costruita un’apposita camera refrigerata, rese necessario imbalsamarlo. Neppure i ripetuti appelli della vedova di rispettare le ultime volontà del marito servirono a far cambiare idea a Stalin.

La Gingko Edizioni ha già pubblicato, di Kerry Bolton, due validi libri: «La Sinistra psicopatica», uno studio psicopatologico sui comunisti, a partire da Jean Jacques Rousseau sino ai giorni nostri; e «Stalin. Il Napoleone russo» (nel 2019) nel quale a carico del più feroce dittatore di tutti i tempi, vale questa verità storica:  «Nessuno ha mai accoppato tanti comunisti quanti lui».

 

Nelle immagini:

la cover del libro di Kerry Bolton, e il ritratto dell’abate Barruel, gesuita francese, che, una volta fuggito a Londra, pubblicò varie opere d’accusa nei confronti della massoneria francese, che accusava di avere istigato e organizzato la Rivoluzione Francese.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

1 commento su “Alle origini di “Cosa Nostra” e della “’Ndrangheta”? La Massoneria”

  1. Le sette segrete e l’occultismo sono possibilità che non sono mai andate a vuoto: sfruttate dalla malizia umana. D’altronde nessuna azione nascosta resta sempre tale. I Pontefici condannarono apertamente la massoneria come organizzazione che perseguiva empi scopi anticattolici. Perciò coloro che negano l’esistenza o la nocività delle sette, deplorando la dietrologia e l’immaginaria supposizione di complotti, sono sciocchi ottimisti o gente in mala fede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su