Cantico della biodiversità

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

dedicato al messaggio dei Vescovi italiani sulla cura della biodiversità

 

 

Laudato sii, mi’ Signore,

per biodiversità delle creature

che rende pulchra nostra Madre Terra,

e per lo frate sole,

etiam se per cagione

del buco ne l’ozono

per tutto se ne expande lo calore

e sciòglionsi i ghiacciai

e s’innalzano i mari

lo clima si perverte

e tanto di disastri ne consegue.

Et sii laudato ancho

per sora acqua

et serbacela pura et doviziosa et casta

et gratis et sine plastica.

Et sii laudato per frate vento

che tanto scuote il nubiloso cielo

e per lo mondo in giro fa rotare

tanti mulini con le lor pale.

Laudato sii per fiori et fructi et herba

et animali con la lor prole

e intacto lo pianeta serba.

Laudata sia con Te la madre Terra

divina anch’essa come la Dea Cibele,

e rendi i tuoi comandamenti

sempre più novi, trendy et eco-friendly.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

3 commenti su “Cantico della biodiversità”

  1. Poesia tragicamente umoristica, e allora faccio questa preghiera: “Laudato sii, mi’ Signore,, ma ti prego non piangere…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su