Che fine ha fatto il pudore? – La parola al Menestrello

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

C’ERA UNA VOLTA IL PUDORE: E NON RIGUARDAVA SOLO LE SIGNORE

 

Una volta alle feste di precetto

si metteva il doppiopetto;

e persino la riga dei pantaloni

era quella delle grandi occasioni.

 

E in chiesa si andava coi guanti,

perché il Signore apprezza gli eleganti;

e pure sotto il solleone

per la cravatta era la sua occasione.

 

Ora il tempio, specialmente d’estate,

sembra un ritrovo delle svitate;

e nemmeno gli uomini sono migliori,

in polo sdrucite, delle peggiori.

 

E questo perché  succede?

Solo il fedele puro se ne avvede:

si è perso il senso del pudore,

che lustri fa batteva col cuore.

 

E a furia di dire che niente è peccato,

il laico cattolico se ne va beato

all’Inferno coi suoi sacerdoti:

non so se diabolici o inutili idioti.

 

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su