Hong Kong come Tienanmen?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 

E’ difficile non pensare a piazza Tienanmen quando i tg ci mostrano la repressione della polizia cinese contro i manifestanti di Hong Kong. Tra l’altro ogni anno, nell’ex colonia britannica si tiene il 4 giugno una grande marcia per commemorare le vittime, gli studenti di piazza Tienanmen a Pechino, massacrati in una sola notte tra il 3 e il 4 giugno del 1989. Ancora oggi non si conosce la cifra precisa dei caduti sotto i tank dell’esercito cinese. E ora a distanza di trent’anni da quel tragico evento non poteva che nascere proprio qui la rivolta contro il regime capitalcomunista di Pechino. «Le manifestazioni sono iniziate il 9 giugno scorso con la richiesta di cancellare la legge sull’estradizione verso la Cina, che metterebbe in pericolo lo stato di diritto che vige ad Hong Kong. Nel tentativo di domare le dimostrazioni – sempre più oceaniche – la polizia ha usato proiettili di gomma, bastoni, gas lacrimogeni ed è sospettata di essere in combutta con la mafia cinese in pestaggi contro i giovani dimostranti». Inoltre secondo Wang, «Molta gente pensa che questa legge distruggerebbe il territorio come ‘porto sicuro’ per i fuggitivi dalla dittatura cinese» (Paul Wang, “Studenti di Hong Kong per uno sciopero ad oltranza. Una donna colpita ad un occhio dalla polizia”. 12.8.19, Asianews).

Quest’anno, il 4 giugno scorso, al Victoria Park, è stato proiettato un video con la testimonianza di Zhang Xianling, una delle Madri di Tienanmen, insieme ad alcuni parenti degli studenti uccisi nel massacro.

Ogni anno per l’anniversario, Asianews, forse l’unico giornale cattolico, ricorda le vittime di Tienanmen. Nell’editoriale di quest’anno il direttore, padre Bernardo Cervellera, scrive a proposito del massacro del 1989: «ha ragione il generale Wei Fenghe, ministro cinese della Difesa, quando dice che ‘grazie’ al massacro di Tienanmen,’ gli ultimi 30 anni hanno dimostrato che la Cina ha subito importanti cambiamenti’, e grazie a quella sanguinosa azione del governo ‘il Paese ha goduto di stabilità e sviluppo’». Pertanto, secondo Cervellera, «la Cina di oggi è infatti eredità di quanto è successo a Tienanmen, quando nella notte fra il 3 e il 4 giugno i carri armati e l’esercito di liberazione del popolo hanno falciato fra i 300 e i 2mila giovani, colpevoli di chiedere ai loro capi qualche riforma politica verso la democrazia e minore corruzione […] Molti di loro hanno giurato di voler morire per la loro patria […] uccisi dal loro stesso esercito; condannati a morte da coloro che si spacciavano come salvatori della Cina[…]».

Ritornando alle manifestazioni di questi giorni, dopo i recenti casi di brutalità della polizia nei confronti dei manifestanti e le manovre dell’esercito cinese pronto a intervenire, si teme che possa ripetersi il tragico spargimento di sangue di tre decenni fa. Ma «i governanti della Cina sanno che una mossa del genere sarebbe una catastrofe per quella Cina che tenta di cancellare nella memoria quello che accadde in Piazza Tienanmen 30 anni fa, ma che non potrebbe mai fare oggi, con tutti i mezzi di comunicazione centuplicati e il mondo che sta a guardare». (Aurelio Porfirio, “Hong Kong, la Cina di fronte al dilemma Tienanmen”, 13.8.19, LaNuovaBQ)

Intanto l’aeroporto di Hong Kong rimane occupato dai manifestanti e la polizia sembra perdere il controllo della situazione. Per i manifestanti la polizia è “completamente fuori controllo” e ha “perso umanità”. La donna colpita da un proiettile rischia di perdere un occhio. Alle domande dei giornalisti, il portavoce della polizia è sembrato in forte imbarazzo. Soprattutto sulla strategia attuata della polizia di infiltrarsi tra i manifestanti per catturare i più violenti. Ma come si fa ad  «assicurare che invece gli agenti infiltrati non agissero da provocatori in modo da non poter poi scatenare una repressione ancora più violenta?». Attualmente vie di uscite ce ne sono poche, come allora. Intanto il capo dell’esecutivo di Hong Kong, Carrie Lam Cheng Yuet-ngor,  mette in guardia i dimostranti. Il mondo sta a guardare, nessuno intende intervenire per non disturbare il colosso cinese.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

2 commenti su “Hong Kong come Tienanmen?”

  1. Marcello Rocchi

    Il Volto del Comunismo è sempre lo stesso! Con la violenza, comunque elemento dominante nei criteri della dottrina comunista, non potrà mai esserci un dialogo! IL COMUNISMO E’ Violenza! Ed è contro ogni forma di LIBERTÀ

  2. D’accordo con Marcello Rocchi: il comunismo è sempre stato, lo è ancora e sempre sarà VIOLENZA!!!! Sotto ogni forma….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su