Il Menestrello davanti al Presepe

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 

CARO GESU’ BAMBINO, SEI ANCORA IL RE DIVINO?

 

I puri di cuori sono in affanno,

scandalizzati a loro danno,

circondati da serpenti velenosi

che, mortali, sono assai numerosi.

 

Per costoro, caro Gesù Bambino,

non sei il Re divino,

ma soltanto un pargol piangente

in una notte dal freddo pungente.

 

Questi servi, dal demonio ingaggiati,

si trovano, sparpagliati,

anche nei piani alti della tua Istituzione,

zeppi di ipocriti e di maledizione.

 

Nel presepe, inventato da Francesco

(non l’ Argentino, staresti fresco),

ora i posti son tutti occupati

dai migranti e dagli svitati.

 

E non stupirti se nella mangiatoia

ti soppiantasse un vassallo del boia:

diciamo un Budda o un Maometto,

che presso Kasper godono alto concetto.

 

Restiamo noi, fedeli integristi,

dai bergogliani tutti mal visti,

a darti un casto bacino

e ad adorarti come il Messia piccino.

 

Noi, come gli umili pastori,

ti visitiam coi nostri tremori,

sperando che presto la tua Capanna

ridiventi luogo di Gloria e di Osanna.

 

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su