“La spada di San Michele – la Linea Sacra che attraversa e difende l’Europa”, di Don Marcello Stanzione – recensione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

.

Edito da Mimep-Docete, la casa editrice delle suore lauretane polacche, è disponibile nelle librerie il libro di don Marcello Stanzione intitolato “La spada di San Michele – la Linea Sacra che attraversa e difende l’Europa”.

 

Il nome Michele (Mikael) deriva da una frase ebraica composta da queste tre parti: Mi-Kha-El = Chi (è) come Dio? Può essere definito come un grido di battaglia in difesa dei diritti dell’Onnipotente.

Il nome Michele appare cinque volte nella Sacra Scrittura e per la precisione tre volte nell’Antico Testamento, sempre nel Libro di Daniele e due volte nel Nuovo Testamento (Giuda e Apocalisse).

È impossibile riportare tutti i fatti meravigliosi attribuiti all’intervento di San Michele nella storia del Cristianesimo e che sono stati all’origine di numerosissimi santuari a lui consacrati. Ci basterà dire che in tutte le sue prove, la Chiesa si è compiaciuta nel ripetere la parola del profeta Daniele: “Io non ho, nelle mie avversità, altro aiuto che San Michele”.

La cosiddetta “Via dell’Arcangelo” è un itinerario non ufficiale, ma contrassegnato da molteplici valenze di ordine simbolico, e che, parzialmente, si adagia sull’itinerario della Via Francigena. Si tratta di un  percorso ideale che collega Skellig Michael (Irlanda),  Mont – Saint – Michel (Francia), la Sacra di San Michele (Piemonte) e il Santuario di San Michele sul Gargano (Puglia). Sono punti fondamentali nella devozione cristiana che hanno come soggetto centrale la figura di san Michele Arcangelo e posti su un asse ideale che collega anche sul piano del sistema viario i quattro luoghi di culto.

 

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su