Mattarella e la crisi di governo – la parola al Menestrello

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 

MATTARELLA ANTI SALVINI: UN ODIO SENZA CONFINI

 

Mattarellla non è meglio di Napolitano:

considera la Ue uno stato sovrano;

e odia capitan Salvini

con un livore senza confini.

 

Sapevano che i pentastellati

sono un branco di dannati:

autentici eredi della rivoluzione francese,

vorrebbero la ghigliottina in ogni paese.

 

Nelle città in cui sono al  comando,

i cittadini vanno allo sbando,

tanto da  far rimpiangere i comunisti,

cari ai cardinali oscurantisti.

 

E nessun stupore se il presidente,

che deve a Renzi la carica presente,

è il vassallo della massoneria,

a cui s’inchina con cortesia.

 

E i provvedimenti da Salvini firmati

verranno presto cancellati;

e il popolo si troverà in una dittatura

avente la gnosi come misura.

 

Se fossimo intrepida gente,

faremmo la rivoluzione permanente,

sinché il governo, per sfinimento,

ci liberi dal suo tormento.

 

Ma siccome siam dal benessere drogati

e dai cattivi Pastori guidati,

non ci resta che pregare e fare penitenza

per strappare un miracolo alla  Provvidenza.

 

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

1 commento su “Mattarella e la crisi di governo – la parola al Menestrello”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su