Pareto, la teoria delle élite e il  momento politico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Vilfredo Pareto, grande sociologo e studioso della politica, elaborò la sua “teoria delle élite” tra la fine dell’’800 e l’inizio del ‘900. Si tratta di una teoria piuttosto complessa, e chi volesse averne una conoscenza adeguata può leggere il “Trattato di sociologia generale” pubblicato nel 1916, e rimasto un classico nel suo genere.

Per Pareto il termine “élite” non comporta un giudizio di valore. Lo studioso non vuole cioè affermare che i suoi membri sono “i migliori”, cioè gli optimates nel senso latino del termine. No: le élite sono costituite da coloro che semplicemente, a più livelli e in più settori, detengono il potere. Di questa teoria, ciò che ci interessa oggi è un capitolo solo.

Asserisce Pareto, senza astio ma piuttosto con l’occhio del naturalista che disseziona il verme sul vetrino, che chi governa non ha di mira il bene della collettività, ma persegue esclusivamente i propri interessi, il più importante dei quali  è quello della stabilità e permanenza nel tempo sulla poltrona.  Le clientele stesse in democrazia non sarebbero un fenomeno degenerativo, ma un elemento costitutivo del sistema, e avrebbero una funzione simile a quella dei vassalli nella piramide feudale. La democrazia così come la intendono i teorici (cioè come governo del popolo) non sarebbe altro, secondo Pareto, che un “pio desiderio”.

Se il nostro studioso, dal cielo degli accademici in cui ora si trova, avesse la possibilità di puntare lo sguardo sulle terrene vicende, troverebbe di certo la migliore conferma della propria teoria, e si congratulerebbe con se stesso. Nella pur accidentata storia della democrazia italiana dalla fine della guerra in poi non si era mai visto un matrimonio politico  più anomalo e contraddittorio, e insieme più rapido e convulso, di quello tra PD e 5 stelle. Naturalmente si dirà che si tratta di un matrimonio riparatore, imposto dalle circostanze. E che chi l’ha officiato ha agito per il bene della Nazione. È un ritornello che abbiamo sentito altre volte, e che viene sempre utile quando si tratta di mettere all’angolo chi ha vinto le elezioni, o chi le vincerebbe.

In verità lo spettacolo di un partito che riemerge dalle tenebre nelle quali gli elettori l’avevano relegato grazie a un altro partito che lo aveva precedentemente indicato come il male assoluto è davvero un must, che trova la sua intima motivazione per l’appunto nella folgorante asserzione paretiana: il primo compito di una élite è quello di conservare se stessa nel tempo, indefinitamente, indefettibilmente, e il resto è letteratura romantica.

Ed è così, che, in questa palude stigia da cui alcuni politici riemergono dopo annoso oblio e altri passano il tempo a smentire se stessi ogni cinque minuti, per contrasto assurgono a figure di gigante Carlo Calenda e Gianluigi Paragone, i quali invece  hanno semplicemente agito con dignità, quella dignità che i loro colleghi di partito non sanno dove stia di casa.

 

 

Alfonso Indelicato – Consigliere comunale indipendente a Saronno

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

1 commento su “Pareto, la teoria delle élite e il  momento politico”

  1. Gaetano Fratangelo

    Le elites sono sempre esistite e lo saranno in futuro.
    Riguardo ai matrimoni politici anomali, ricordo il compromesso storico tra la Democrazia Cristiana ed il Partito Comunista, oltre le famose convergenze parallele.
    La differenza con quel tempo è la moralità attuale, in caduta libera, nella classe politica che è lo specchio della odierna società civile.

Rispondi a Gaetano Fratangelo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su