Purchè la mucca non muoia…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

.

Sui prestiti straordinari che saranno concessi dalla UE ai paesi membri, si sono già scoperti i raggiri e altro si scoprirà e si constaterà ad opera di giornali e commentatori contrari al governo in carica. Il Mes è di certo un mezzo per condizionare la condotta socio-economica nazionale, minacciata di commissariamento da parte di Bruxelles. Il recovery fund impone analoghe condizioni destinate a ricreare un regime di austerità economica, ossia di depressione e di incombente fallimento. Infatti quella dazione finanziaria europea prevede tassativamente un piano di conversione energetica, un grande investimento nella digitalizzazione, un piano di sostenibilità generalizzato. Se una parte di questi provvedimenti potrebbe giovare, essi non sono affatto di agevole compimento, mentre adesso sottrarrebbero le risorse necessarie alla ripresa economica e sociale. I complessivi frutti eventuali saranno colti troppo tardi, come già tardi arriveranno i soldi del recovery fund, per giunta scaglionati negli anni. D’altra parte, ci viene imposto il divieto assoluto di abbassare le tasse. Perciò, nella migliore delle ipotesi, varrebbe qui il detto: campa cavallo che l’erba cresce.

Tralascio il noto sfruttamento dall’emergenza coronavirus e gli altri trucchi, falsificazioni, loschi espedienti dialettici e propagandistici (complici la scuola, le televisioni, magistrati, protagonisti della vita pubblica in loco), atti ad avvantaggiare il timoniere e a far procedere tutta la faccenda.

Ho cercato di riassumere la situazione del Bel Paese soggetto alla UE, situazione già rappresentata da vari osservatori più o meno svincolati dal coro. Ma non sarà inutile spostare il punto di vista su un altro aspetto. Il cavallo non può attendere che l’erba sia cresciuta, non è bene che crepi e nemmeno che rischi di crollare non sopportando lo sforzo di tirare il carro, insieme agli altri animali da tiro attaccati al greve carrozzone  europeo-mondialista.

Un’altra metafora rende pure l’idea: la mucca. Se la sfrutto, se la faccio lavorare oltre misura, finisce che non potrò mungerla perché non dà più latte.

Il bravo scrittore Concetto Pettinato, nell’immediato dopoguerra scrisse un bel romanzo intitolato Purgatorio. In un episodio significativo descrive la politica dei magnati americani, i quali, anziché eliminare la concorrenza dell’industria italiana comprandola e chiudendola, progettano di limitarsi a controllarla, in modo che non dia troppo fastidio e, nel contempo, consenta ai consumatori dello Stivale d’essere in grado di acquistare i prodotti d’Oltre Oceano. Con la stessa accortezza quei plutocrati cercarono di arruolare per i loro affari degli ex fascisti, affidabili per serietà ed efficienza.

Dunque chi si aspettasse il tracollo economico e la caduta del governo, o di questa maggioranza governativa, non si faccia illusioni. Gli attuali governanti si sono già consegnati mani e piedi ai voleri dell’UE e riceveranno quel tanto che ci permetta di sopravvivere. Saranno molte le vittime, ma non abbastanza per provocare una rivoluzione.

Il peggio sarà il procedere della cultura mortifera spacciata per oro colato, che le destre sono incapaci di contrastare validamente. Questa morte spirituale e morale potrebbe suscitare la riscossa, qualora fossero nati gli uomini battaglieri capaci di abbracciarla e di promuoverla.

In America il presidente Trump si è contrapposto ad alcuni principi velenosi trasformati in diritti civili, e ha riscosso il favore di molti. Sono conati di risanamento, che nelle mani idonee ottengono ben altri sviluppi. Grazie a Costantino, dopo di lui la legge di Dio cominciò a divenire legge dello Stato. In certe nazioni cattoliche, norme irreligiose e contro natura poterono essere abolite, in opposizione a gran parte del mondo, comunista o massone, che le faceva valere.

Dio permetterà che il presente castigo venga, almeno in qualche parte, rimosso? O il castigo supplementare del coronavirus avrà un seguito forse più severo? La Chiesa è invasa dall’Anticristo. L’incertezza di questo tempo è davvero grande.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su