Si conclude il Sinodo Panamazzonico – gli ultimi aggiornamenti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 

A conclusione del Sinodo Panamazzonico, riceviamo dagli amici di Tradizione Famiglia Proprietà – TFP gli ultimi aggiornamenti.

 

Editoriale/ Sinodo dell’Amazzonia: la reale posta in gioco – Mathias Von Gersdorff

Il Sinodo dell’Amazzonia sta causando irritazioni e perplessità in innumerevoli cattolici. Abbiamo visto pratiche pagane compiute a Sinodo iniziato e sentito dichiarazioni eterodosse da parte dei partecipanti all’evento. Cosa sta avvenendo in certi settori della Chiesa Cattolica? Come si è potuto arrivare a questa situazione?

 

Le conclusioni del sinodo dell’Amazzonia? Erano nella mente dal papa già cinque anni fa – Sandro Magister

L’architetto del sinodo dell’Amazzonia rivela come papa Francesco potrebbe “aprire una porta” all’ordinazione delle donne.

 

Cardinale Müller : ‘Il grande errore è stato portare gli idoli dentro la Chiesa, non di toglierli” – Maike Hickson

In una recente intervista televisiva, il cardinale Müller ha affermato che “Il grande errore è stato quello di portare gli idoli nella Chiesa”, di “non metterli fuori, perché secondo la Legge di Dio – il Primo Comandamento – l’idolatria è un peccato grave; da non mescolare con la liturgia cristiana”.

 

Cosa importa se è un rito pagano? – Osservatorio Sinodo Amazzonia

Uno dei redattori dei documenti pre-sinodali, il teologo Paulo Suess, fornisce una pertinente chiave di lettura sulla vicenda delle Pachamama…

 

Il Cardinale Müller ammonisce sull’ascesa del “vecchio paganesimo” al Sinodo dell’Amazzonia – Maike Hickson

Il cardinale Müller mette in guardia dall’idolatria e la superstizione che sono un peccato contro Dio perché confondono il Creatore con la sua creazione e ricorda che “l’adorazione di Dio è la vera teologia della liberazione dalla paura, dallo spavento e dall’insicurezza che ci arrivano dal mondo materiale e dai nostri simili”.

 

Rito amazzonico, scusa per frammentare il cattolicesimo – Luisella Scrosati

Rito Amazzonico? Perché, allora, non un rito bantu o pigmeo, fino a una completa frammentazione del Rito romano? Le paraliturgie di questi giorni svelano l’inganno di una ritualità costruita a tavolino e spacciata per amazzonica.

 

“In quei riti c’è il diavolo”. Parola di vescovo amazzonico – Andrea Zambrano

«In quei riti c’è il diavolo, c’è la magia. La nostra Signora non è la Pachamama, ma è la Vergine di Nazaret». Parola del vescovo emerito di Belem, Azcona. La risposta ai riti pagani di questi giorni a Roma arriva da un vescovo amazzonico che conosce l’Amazzonia più di molti padri sinodali.

 

 

Cordialmente,

Samuele Maniscalco, Ufficio TFP Roma

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su