Proseguono con successo le iniziative dell’Associazione “Erone Onlus”, sorta a Como per fronteggiare la malattia che colpisce ogni anno 350 mila italiani. Ora è in funzione il nuovo portale Supportoncologico.

.

Il 15 e il 16 marzo si è svolto a Como l’annuale convegno della associazione “Erone Onlus”, volto a formare una “coscienza oncologica”. Il convegno di quest’anno era dedicato al tumore al seno (negli anni precedenti sono stati affrontati i tumori al pancreas, al polmone, al fegato).

Anima e cuore dei convegni annuali di Como è il dottor Alberto Vannelli, fondatore e presidente di Erone Onlus, specializzato in chirurgia generale a Milano con il massimo dei voti, per dieci anni dirigente medico dell’Istituto Tumori di Milano, dal dicembre 2011 dirigente medico di chirurgia generale dell’ospedale Valduce di Como. Ha una casistica operatoria di oltre mille interventi di chirurgia oncologica, maggiore su colon retto e fegato, oltre a interventi oncologici su pancreas, stomaco e vie biliari.

Il convegno dedicato al tumore al seno si è svolto in due giornate: la prima rivolta alla popolazione, la seconda dedicata agli specialisti del settore.

Il tumore al seno è una neoplasia che colpisce in Italia oltre 53 mila persone l’anno e nella sola Lombardia quasi 9000. «Il tumore al seno», spiega Alberto Vannelli, «ha avuto negli anni un notevole miglioramento nel percorso di  cura, in particolare grazie all’avvio di specifiche campagne di screening e all’istituzione di breast unit, cioè unità di cura multidisciplinare dedicate».

Lo scopo del convegno, soprattutto per la giornata riferita alla popolazione, è stato quello di puntare su prevenzione e stili di vita. I casi di tumore al seno in Italia sono aumentati del 10% negli ultimi 5 anni. «Sappiamo», spiega Vannelli, «che il tumore al seno rappresenta uno dei big killer dell’oncologia insieme a prostata, polmone, colon. Fortunatamente, negli ultimi anni per i tumori al seno si è osservato  un incremento soprattutto della percentuale di guarigione: la mortalità è in calo del 4 per cento».

Un ruolo importante ha svolto, durante tutto il convegno, la diffusione delle notizie attraverso il web. «Viviamo nell’epoca di Internet», dice Vannelli, «ovvero, uno strumento irrinunciabile della società moderna, e fondamentale per crescere. Senza i mezzi necessari a comprendere questi meccanismi, si rischia inevitabilmente di perdersi. Ecco l’idea che mi ha spinto a creare un modello condivisibile in rete e sicuro, il nuovo portale supportoncologico.it. E’ la novità che abbiamo presentato in occasione del nostro convegno: fare rete, usando la rete, così da raccontare l’oncologia in maniera seria e facile da comprendere, in primis dal cittadino comune. Vogliamo fornire gli strumenti, non tanto per informare, quanto per formare una coscienza oncologica». Così, da oggi, all’autorevole e seguitissimo sito eroneonlus.it, si affianca il nuovo e promettente supportoncologico.it.

Ma vediamo come e perché nacque l’Associazione “Erone Onlus”. In Italia vengono registrati ogni anno oltre 350.000 nuovi casi di tumore. In totale vi sono circa due milioni e mezzo di persone, quasi il 5% della popolazione, che vivono avendo avuto una precedente diagnosi di tumore.

«Cifre importanti», dice il dottor Vannelli, «che obbligano ad alcune riflessioni. Negli anni l’attività del volontariato, integrandosi con il Servizio Sanitario Nazionale, ha permesso di ottenere in molti casi ottimi risultati. Effettivamente molto è stato fatto: dalla prevenzione, fino alle cure di fine vita. Eppure il momento compreso tra la diagnosi della malattia oncologica e l’inizio delle terapie, che rappresenta quindi l’elemento cruciale per meglio definire il corretto percorso nella cura dei tumori, risente ancora di un ritardo di interesse e di assistenza.

«Da qui l’idea di fondare l’associazione Erone Onlus. L’attività dell’associazione consiste appunto nell’accompagnare il cittadino nel delicato momento che va dalla diagnosi di tumore all’inizio del percorso terapeutico vero e proprio. In questa delicata fase il cittadino esprime un bisogno, in quanto diventa suo malgrado paziente, senza spesso disporre di strumenti che lo aiutino e lo supportino nella scelta di questo percorso. Negli anni, l’altissima partecipazione e l’estremo interesse dimostrato per questa iniziativa, mi hanno spinto a pensare a un modello ancora più completo e di rapida condivisione: ecco come è nata l’idea di Supportoncologico.it».

Il portale Supportoncologico.it permette al cittadino, diventato suo malgrado paziente, e ai suoi famigliari, di avere a disposizione strumenti atti a sostenerlo nel percorso terapeutico e a dargli la possibilità di confrontarsi con medici, strutture, pazienti ed ex-pazienti. In questo modo i pazienti non saranno più considerati come elementi disgiunti della società, ma come parte integrante e importante della popolazione. La loro esperienza sarà trasferita nella rete, costruendo un modello per l’assistenza e l’aiuto di tutti quei cittadini che iniziano un percorso oncologico. Questa esperienza potrà essere anche un supporto alle relative famiglie.

La struttura creata dal dottor Vannelli può essere contattata via e-mail (info@eroneonlus.it) o per via telefonica (391-4948157). L’orario di attività è il seguente: dal lunedì al giovedì, ore 9 – 13 e 14 – 18. Il venerdì ore 9 – 13 e 14 – 16. Sarà possibile comunicare anche attraverso WhatsApp.

.

Donazioni

 

 

Vuoi aiutarci a sostenere l’attività? 
Ecco le coordinate per poter fare anche una piccola donazione.

ASSOCIAZIONE ERONE ONLUS 
Credito Valtellinese
C/C 43/000000001325 ERONE ONLUS 
IBAN IT71Y0521652380000000001325 
BIC SWIFT BPCVIT2S

POSTE ITALIANE SpA 
C/C 001024546457 – 1210 
ASSOCIAIZONE ERONE ONLUS 
IBAN IT14X0760110900001024546457

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *