Il Grande Colpo del solito noto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

.

Bisogna ammettere che Berlusconi è un grande uomo politico. Politico della politica politicante, di quella politica scaltra che piace tanto agli italiani furbi. Salvini e Meloni, al suo cospetto, fanno la classica figura dei nanetti appollaiati sulle spalle del gigante.

In quel di Roma si è tenuta ieri una manifestazione del Centrodestra unito che è sacrosanta nel merito. Il tentativo di “spallata” al governo in carica, a furor di popolo in piazza, ha la sua ragion d’essere, anche se non si rammenta nella storia patria un governo che sia caduto per una manifestazione, per quanto partecipata. Il secondo motivo dell’iniziativa è quello di dare corpo all’indignazione per la sentenza Mediaset, capitalizzandola politicamente. Anche questa motivazione è del tutto giustificata: la pubblicazione delle intercettazioni ha portato alla luce un autentico verminaio, e l’ingiustizia consumata ai danni di Berlusconi è apparsa in tutta la sua spettacolare gravità.

Ma si dà il caso che Forza Italia si appresti ad appoggiare il governo in carica sul MES, che non è una questione secondaria, riguardando il tema più generale dei rapporti con l’Europa, decisivo per due partiti come Lega e FdI che si proclamano coerentemente sovranisti e che anche su questa etichetta fondano il loro consenso.

Dunque, a Roma, è accaduto quanto segue: Lega e FdI hanno radunato la loro piazza a sostegno di colui che si appresta a sconfessarli nel voto parlamentare, appoggiando quel PD all’indirizzo del quale ha già lanciato segnali, diciamo così, di cordialità.

È evidente che tale gioco di equilibrismo giova soltanto al presidente di Forza Italia, perché lo ricolloca al centro dello scenario politico (ultimo dei tanti ricollocamenti già visti, segno di una vitalità umana e politica impressionante) mentre relega in un ruolo di comprimari Salvini e Meloni. Inoltre, lo riaccredita presso quell’elettorato moderato che può vivere con fastidio certi atteggiamenti naif di partiti che si dichiarano di Destra, ma che non hanno saputo dare una fisionomia culturalmente chiara e coerente a questa parola, parola che sulla bocca dei suoi rappresentanti suona soltanto come un flatus vocis.

.

Alfonso Indelicato

Consigliere comunale indipendente di Destra eletto a Saronno

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

2 commenti su “Il Grande Colpo del solito noto”

  1. Quanto hanno fatto i giudici ai tempi di Berlusconi e particolarmente contro di lui è NAUSEANTE!!!
    VI RICORDATE LA GIUSTIZIA A “OROLOGERIA”?
    Per me è ancora INCREDIBILE che NESSUNO, neanche quelli di destra e soprattutto
    il DISONOREVOLE CAPO DELLO STATO abbiano preso i dovuti provvedimenti.

    Sicuramente erano già in funzione i POTERI FORTI, cioè SOROS, ECC.

  2. Certo che ci vuole molta fantasia per definire di destra un partito che negli ultimi dieci anni è ripetutamente andato a soccorrere i traballanti governi di sinistra. Berlusconi sarà anche abile ma secondo me il suo partito ha ripetutamente tradito il suo elettorato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su