L’impossibile Europa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

che questa creatura nata storta venga raddrizzata almeno un poco dal voto cosiddetto sovranista, in realtà un voto secondo natura

 

 

Immaginare un’Europa Unita, un’europea comunità di interessi materiali, morali e spirituali, al di là di una convenzione doganale (neppure una zona di libero scambio) è una vera sciocchezza.

L’UE è oggi una finzione, e le istituzioni europee (parlamento, commissioni, banca centrale, ecc.) sono una forzatura innaturale e dannosa per tutti gli Stati, sono frutto di un imbroglio antieuropeo, ossia nocivo alle Nazioni del Vecchio Continente.

Perché l’UE è una finzione. – Ciascun Stato ha un proprio parlamento, un proprio governo, un proprio bilancio finanziario, deve difendere i propri interessi, pena la perdita del consenso popolare di cui i governi hanno bisogno, nonostante siano retti da satelliti di poteri sovranazionali o da uomini condizionati da questi ultimi. Le direttive generali (economiche e etiche), le sentenze delle corti europee, la moneta unica, valevoli per tutti gli Stati membri, sono aberrazioni spacciate in vario modo come convenienti, come giuste, come benefiche. Il motivo è palese: ad ogni Nazione conviene una peculiare economia, una peculiare legislazione, insomma il mantenimento del proprio modo di vivere, che non può essere violentato oltre misura e che mai lo sarà. Sicché i popoli europei, per loro natura, restano quello che sono, nonostante si sia cercato di adattare ed imporre a tutti certe condizioni. Francia, Germania, Italia, Spagna, eccetera, restano entità, personalità differenti, che fanno valere istanze differenti, sovente contrastanti. Questo è, e questo rimane. I popoli hanno avvertito il malessere materiale e morale dovuto a certe costrizioni tendenti all’omologazione, ed è molto più facile che si verifichino rotture con l’UE e separazioni tipo Brexit, che ulteriori progressi nell’unità.

Dunque l’UE è un aborto. Lo si spaccia per creatura, lo si tiene in vita artificialmente, si afferma che se la rete di interessi comuni venisse meno ci sarebbero contrasti e guerre. Tutte fandonie. Se può essere vero che certi legami innaturali possano sopire alcune rivendicazioni, è maggiormente vero che nell’Europa di Bruxelles, di Strasburgo e di Francoforte hanno sempre la meglio i più forti (Germania e Francia), e che l’Italia, costretta a subire, non avrebbe altra alternativa per difendersi che l’uso della forza, casomai volesse e potesse adoperarla. La pace vigente non è affatto una pace giusta: si regge sulla sottomissione del più debole o di chi non vuole o non sa farsi valere. Ne abbiamo avuto una prova lampante all’epoca dell’omicidio di Gheddafi. Perciò chi parla di pace europea onorevole, basata su una degna concordia, o è in malafede o è accecato.

Se proprio si ritiene che l’Italia non abbia la stessa robustezza economica, militare, sociale della Gran Bretagna (che si tira fuori, con vantaggio, per volontà della maggioranza, come adesso anche i pennivendoli devono ammettere), allora che questa creatura nata storta venga raddrizzata almeno un poco dal voto cosiddetto sovranista, in realtà un voto secondo natura.

Sì, perché serve metterlo bene a fuoco: l’identità nazionale è composta di lingua, storia, tradizioni, costumi, cultura, in condizioni geografiche del tutto singolari, per cui la condizione di una nazione non è paragonabile a quella di un’altra, e non c’è ancora barba di internazionalismo, multiculturalismo, società multietnica, illusionismo arcobaleno e pervertitore, che possano fare dell’Europa qualche cosa di simile agli USA: privi di storia, fatti con un coacervo di genti senza più Patria, costrette ad affidarsi al legislatore demagogo più astuto e più intraprendente, per formare un popolo inedito.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Lascia un commento:

2 commenti su “L’impossibile Europa”

  1. Gaetano Fratangelo

    L’Unione Europea è un grande sistema burattinaio che si regge sull’ideologia neo liberista.
    Il braccio armato è rappresentato dalla finanza che usa i metodi della mafia.
    Il massacro della Grecia ad opera della U.E. ne è l’esempio.
    Il primato delle banche al posto del primato dei singoli Stati ha portato alla globalizzazione della povertà: il risultato è Stati impoveriti e succubi.
    Chiaro esempio è lo spread che è di natura politica ed è in mano alla Germania, esso infatti si alza, anche, quando la Deutsche Bank vende titoli di stato italiani.
    Disse bene l’ex Ministro Savona: l’entrata nell’Euro è stato un errore storico e la Germania è un pericolo pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e nulla di più.

Torna su